DONATELLA BIANCHI: «Sono ligure, vivo a Roma, ma adoro la pappa col pomodoro toscana»

«Da grande appassionata di mare quale sono, uno dei miei piatti preferiti e che ancora oggi adoro preparare per la mia famiglia e gli amici più cari, sono le cozze ripiene. Una portata semplice, gustosa, dal sapore prelibato».

Non poteva non essere marino il piatto preferito dall’autrice e conduttrice di “Linea Blu”.

«Prima di “Linea Blu” c’è il piccolo particolare che io sono originaria della città di La Spezia, uno dei più importanti porti liguri. Mio papà ha sempre posseduto un piccolo gozzo, con il quale si divertiva, tutti i fine settimana, a prendere il largo per pescare polpi e orate. Spesso, quando usciva per le sue “battute” di pesca, sul gozzo portava anche me. E io, che desideravo tanto catturare come lui qualche pesciolino, usavo come esca il muscolo ovvero le piccole cozze, perché in Liguria le cozze si chiamano, appunto, muscoli. Noi ne compravamo in grandi quantità al mercato ittico di La Spezia, e poi mia mamma le cucinava, al forno, insieme al pescato del giorno».

E lei oggi come le cucina?

«Le faccio proprio alla spezzina, cioè imbottite con pane raffermo, aglio e prezzemolo. Poi metto tutto al forno per circa quindici minuti e servo ancora bollente».

Usa qualche ingrediente in particolare per renderle più appetitose?

«Il mio segreto è mettere nell’impasto con cui farcire le valve anche qualche pizzico di parmigiano reggiano, che dà a questo piatto un sapore più deciso, più gustoso. Lo stesso sapore intenso, anche se differente, che provo quando cucino la pappa al pomodoro».

Dove ha imparato a preparare questo piatto?

«Chiaramente in Toscana, visto che la pappa al pomodoro è una pietanza tipica di questa regione. La imparai a cucinare durante i primi anni di matrimonio con il mio primo marito Osvaldo Bevilacqua, giornalista inventore di “Sereno Variabile”, il programma turistico più antico della televisione, tanto da essere entrato, per questo motivo, nel ‘Guinness dei Primati’. Fu lui a farmi scoprire questa ricetta povera, ma non per questo meno buona e saporita di altre più sofisticate, durante uno dei nostri viaggi sull’Argentario, la costa toscana, e più precisamente nella località di Porto Ercole. E quando uno chef di un ristorante mi spiegò come preparare la pappa al pomodoro, questo piatto divenne la “pietanza” del nostro matrimonio. Osvaldo ne era talmente ghiotto che glielo preparavo quasi ogni sera…».

Donatella, diceva che la “sua” pappa al pomodoro ha un sapore forte: perché?

«Perché, come faccio anche per le cozze imbottite, sul pane raffermo, oltre al pomodoro e all’aglio, metto anche un po’ di parmigiano che si sposa davvero bene con il sapore di pesce. Il risultato, infatti, è sorprendente: anche il mio attuale compagno Tommaso si complimenta con me quando gli preparo questo piatto».

Ma non è geloso dei suoi ricordi legati al suo ex marito?

«No, anche perché tra loro c’è un bel rapporto, così come tra me e Osvaldo, che è anche il papà della mia primogenita. E comunque ho anche un piatto legato al mio amore per Tommaso…».

E qual è?

«Il filetto di tonno scottato. Me lo ha fatto assaggiare lui una sera a casa di amici in Sicilia, durante i primi tempi della nostra storia. In pratica si tagliano piccoli tranci di tonno, che poi vengono passati per tre, quattro minuti in padella, con olio e limone. E successivamente, appena scottati, si infornano per venti minuti».

Dunque vengono conditi solo con olio e limone?

«Sì, anche se io, una volta portato il tonno scottato a tavola, lo spolvero con un po’ di prezzemolo tritato insieme a uno spicchietto di aglio. Ecco, quando mangio il tonno scottato, ripenso a quella magnifica vacanza e al mio attuale compagno che mi ha reso mamma di un bel maschietto».

 

LE RICETTE DI DONATELLA BIANCHI

Cozze ripiene

Pappa al pomodoro

Filetto di tonno scottato e ripassato al forno

LA BIOGRAFIA DI DONATELLA BIANCHI

Summary
DONATELLA BIANCHI: «Sono ligure, vivo a Roma, ma adoro la pappa col pomodoro toscana»
Article Name
DONATELLA BIANCHI: «Sono ligure, vivo a Roma, ma adoro la pappa col pomodoro toscana»
Description
Imparai a cucinarla durante i primi anni di matrimonio con il mio primo marito Osvaldo Bevilacqua. Fu lui a farmi scoprire questa ricetta povera, ma non per questo meno buona e saporita di altre più sofisticate, durante uno dei nostri viaggi sull’Argentario. E quando uno chef di un ristorante mi spiegò come preparare la pappa al pomodoro, questo piatto divenne la “pietanza” del nostro matrimonio. Osvaldo ne era talmente ghiotto che glielo preparavo quasi ogni sera...».
Author
Publisher Name
Andrea Face