La biografia di Katia Ricciarelli

Katia Ricciarelli, vero nome Catiuscia Maria Stella Ricciarelli, nasce a Rovigo il 18 gennaio 1946 in una famiglia poco agiata. La madre, abbandonata dal marito arruolatosi come volontario nella campagna nazifascista di invasione della Russia, è costretta a crescere da sola le tre figlie. Katia, ultimogenita, dimostra sin dall’adolescenza un forte interesse per il canto, svolgendo nel frattempo diversi lavori per sostenersi (tra cui l’operaia in una fabbrica di dischi). La madre, con grandi sacrifici economici, riesce a iscriverla al Conservatorio Benedetto Marcello di Venezia. Gli studi vengono messi a frutto quando, nel 1969, Katia debutta a Mantova con “La bohème” mentre l’anno successivo è al Regio di Parma con “Il trovatore”. Nel corso della sua carriera si esibisce nei migliori teatri del mondo spaziando tra le opere di Giacomo Puccini, Giuseppe Verdi, Gioacchino Rossini e Gaetano Donizetti. Sempre molto attiva, la cantante fonda nel 1991 l’Accademia Lirica Internazionale “Katia Ricciarelli” di cui è anche docente, e dal 1998 è direttrice artistica del Teatro Politeama Greco di Lecce. Nel 2005, all’attività teatrale, affianca la nuova carriera di attrice in quanto scelta dal regista Pupi Avati come protagonista del film “La seconda notte di nozze”, la cui interpretazione le vale il Nastro D’Argento. Da allora continua ad interpretare film e fiction. Impegnata anche nel sociale, Katia Ricciarelli è promotrice di molte attività benefiche (è madrina dell’Associazione Thalassemici).