La biografia di Pino Insegno

Giuseppe Insegno, detto Pino nasce a Roma il 30 agosto 1959. Attore di formazione teatrale, campo nel quale è attivo sin dal 1981, cominciando la sua avventura artistica fondando l’Allegra Brigata con altri 9 colleghi, tra i quali Roberto Ciufoli e Francesca Draghetti. Con questi due, ai quali si aggiunge Tiziana Foschi, costituisce, nei tardi anni ottanta, il quartetto comico “Premiata Ditta” che ottiene innumerevoli successi in televisione e in teatro, con un’unica incursione nel cinema: il film del 1995 L’assassino è quello con le scarpe gialle. In Rai, con la Premiata Ditta, Insegno partecipa alle trasmissioni “Pronto, chi gioca?” e “Pronto, è la Rai?” che saranno il trampolino di lancio del quartetto comico verso la popolarità. Successivamente i quattro partecipano a numerose trasmissioni per le reti RAI tra cui “Jeans 2” e “Chi tiriamo in ballo”, mentre nei primi anni novanta seguono “E saranno famosi” e “Ricomincio da due” entrambi in onda su Rai 2. In seguito sono nel cast de “I cervelloni” condotto da Paolo Bonolis su Rai 1, e di “Vita da cani” in onda su Rai 2. Nel 1996 il quartetto va in Mediaset partecipando a “Buona domenica” e “Campioni di ballo” su Canale 5, condotte da Amadeus e Lorella Cuccarini, ma la vera popolarità arriva in prima serata su Canale 5 dapprima con la sit-com “Finché c’è ditta c’è speranza” e poi con le trasmissioni “Premiata Teleditta”, “Telematti” e “Oblivious” da loro condotte. Nel gennaio 2004 torna in RAI, stavolta senza la Premiata Ditta, per condurre in prima serata su Rai 2 “Compagni di squola”. Successivamente ha fatto parte del cast della sit-com “Lo zio d’America”, insieme a Christian De Sica, trasmessa in prima serata su Rai 1 per quattro puntate nella primavera 2005. Nell’autunno 2005 è ancora a Mediaset, per ripresentare lo show “Premiata Teleditta”, che diventa l’ultimo spettacolo del gruppo che si scioglie nel 2006. A questo punto Pino Insegno alterna le sue attività di attore e di doppiatore a quella di conduttore televisivo. Tra i programmi di cui è alla guida: “Il mercante in fiera” su Italia 1, “Reazione a catena – L’intesa vincente”, su Rai 1, e diverse edizioni dello Zecchino d’oro. In questo stesso periodo è intensa la sua attività di doppiatore e presta la voce anche a vari personaggi dei cartoni animati, tra cui il barista Boe Szyslak in sostituzione di Mino Caprio e Ned Flanders in sostituzione di Teo Bellia nella serie animata de I Simpson. Dal 2005 è anche la voce del personaggio Stan Smith nella versione italiana del cartone American Dad! creato da Seth MacFarlane (il padre de I Griffin).

È sposato con l’attrice Alessia Navarro. Ha tre figli, Matteo, Francesco e Alessandro. I primi due avuti dall’ex moglie Roberta Lanfranchi ed il terzo dall’attuale moglie Alessia Navarro.